Language of document : ECLI:EU:F:2013:169

SENTENZA DEL TRIBUNALE DELLA FUNZIONE PUBBLICA DELL’UNIONE EUROPEA

(Prima Sezione)

5 novembre 2013

Causa F‑63/12

Carlo De Nicola

contro

Banca europea per gli investimenti (BEI)

«Funzione pubblica – Esecuzione di una sentenza – Spese – Rimborso spese – Restituzione della somma versata a titolo di spese ripetibili a seguito della sentenza di parziale annullamento della sentenza con la quale la parte ricorrente è stata condannata a tali spese»

Oggetto: Ricorso, proposto ai sensi dell’articolo 270 TFUE, applicabile al Trattato CEEA ai sensi del suo articolo 106 bis, con il quale il sig. De Nicola chiede al Tribunale di annullare il rifiuto della Banca europea per gli investimenti (BEI) di restituirgli la somma versata a titolo di spese in esecuzione di una sentenza del Tribunale successivamente annullata dal Tribunale dell’Unione europea.

Decisione:      Le decisioni del 4 e del 25 maggio 2012 della Banca europea per gli investimenti sono annullate. La Banca europea per gli investimenti è condannata a versare al sig. De Nicola la somma di EUR 6 000, maggiorata degli interessi compensativi dal 29 aprile 2012. Il tasso degli interessi compensativi deve essere calcolato sulla base del tasso fissato dalla Banca centrale europea per le operazioni principali di rifinanziamento, applicabile nel corso del periodo considerato, maggiorato di due punti. Il ricorso è respinto per il resto. La Banca europea per gli investimenti sopporterà le proprie spese ed è condannata a sopportare le spese sostenute dal sig. De Nicola.

Massime

Procedimento giurisdizionale – Spese – Restituzione della somma versata a titolo di spese ripetibili a seguito della sentenza di parziale annullamento della sentenza con la quale la parte ricorrente è stata condannata a tali spese

(Regolamento di procedura del Tribunale della funzione pubblica, art. 115)

Ai sensi dell’articolo 115 del regolamento di procedura del Tribunale della funzione pubblica, in caso di annullamento, da parte del Tribunale dell’Unione europea, di una sentenza o di un’ordinanza del Tribunale e di rinvio della causa dinanzi a quest’ultimo, il Tribunale, nella pronuncia che conclude il grado di giudizio, statuisce sulle spese relative, da una parte, ai procedimenti instaurati dinanzi ad esso e, dall’altra, al procedimento d’impugnazione dinanzi al Tribunale dell’Unione europea.

Una simile disposizione evidenzia che l’annullamento, anche parziale, dinanzi al Tribunale dell’Unione europea, di una sentenza o di un’ordinanza del Tribunale ha l’effetto di annullare le disposizioni con cui il Tribunale, in tale sentenza o in tale ordinanza, ha statuito sulle spese.

Ciò considerato, l’istituzione era tenuta ad accogliere la domanda della parte ricorrente diretta ad ottenere la restituzione della somma pagata a titolo di spese ripetibili.

(v. punti 23, 24 e 27)