Language of document :

Ricorso proposto il 17 agosto 2009 - Simone Daake / UAMI

(Causa F-72/09)

Lingua processuale: il tedesco

Parti

Ricorrente: Simone Daake (Alicante, Spagna) (rappresentante: avv. H. Tettenborn)

Convenuto: Ufficio per l'armonizzazione nel mercato interno (marchi, disegni e modelli)

Oggetto e descrizione della controversia

Annullamento della decisione dell'UAMI 12 settembre 2008 di annullare il contratto di lavoro della ricorrente, nonché condanna al risarcimento del danno; asserita elusione delle norme sull'assunzione a tempo indeterminato attraverso contratti a tempo determinato successivi.

Conclusioni della ricorrente

La ricorrente chiede di:

annullare la dichiarazione dell'UAMI nella nota 12 settembre 2008, secondo la quale il suo contratto di lavoro è terminato il 31 ottobre 2008;

annullare la decisione dell'UAMI 6 maggio 2009 di respingere il reclamo da lei presentato il 12 dicembre 2008 ai sensi dell'art. 90, n. 2, dello Statuto dei funzionari;

condannare l'UAMI al risarcimento dei danni materiali, stimati nella differenza tra

    da un lato, la retribuzione concretamente percepita in base al formale inquadramento come agente contrattuale, ai sensi dell'art. 3 bis del RAA, dal 1° novembre 2005 al 31 ottobre 2008, unitamente all'indennità di disoccupazione corrispostale a partire dal 1° novembre 2008 ad oggi, e,

    dall'altro, la retribuzione che le sarebbe spettata come agente temporaneo ai sensi dell'art. 2, lett. a), del RAA, dal 1° novembre 2005 ad oggi - in subordine, quantomeno, la retribuzione che le sarebbe spettata come agente temporaneo ai sensi dell'art. 2, lett. a), del RAA, dal 1° novembre 2005 al 31 ottobre 2008, unitamente all'indennità di disoccupazione calcolata sulla base della retribuzione a cui avrebbe avuto diritto nel mese di ottobre 2008 se si fosse applicato l'art. 2, lett. a), del RAA -

    oltre al risarcimento delle perdite conseguenti nella pensione di anzianità e gli ulteriori danni, compensi e indennità, calcolati in base ad una promozione adeguata e che tenga conto delle prestazioni della ricorrente al 1° aprile 2008;

condannare l'UAMI a risarcirle i danni immateriali derivanti dalla discriminazione rispetto agli altri impiegati dell'UAMI, nella misura che la Corte riterrà equa;

condannare l'Ufficio per l'armonizzazione nel mercato interno (marchi, disegni e modelli) alle spese.

____________