Domanda di pronuncia pregiudiziale proposta dall’Obvodní soud pro Prahu 8 (Repubblica ceca) il 26 febbraio 2020 – mBank S.A. / PA

(Causa C-98\20)

Lingua processuale: il ceco

Giudice del rinvio

Obvodní soud pro Prahu 8

Parti

Ricorrente: mBank S.A.

Resistente: PA

Questioni pregiudiziali

Se per nozione di «domicilio del consumatore» ai sensi dell’articolo 17, paragrafo 1, lettera c) del regolamento (UE) n. 1215/2012 1 , del 12 dicembre 2012, concernente la competenza giurisdizionale, il riconoscimento e l’esecuzione delle decisioni in materia civile e commerciale, nella sua versione in vigore dal 10 gennaio 2015, si intende il domicilio del consumatore alla data di proposizione del ricorso oppure alla data in cui sorge l’obbligazione tra il consumatore e la sua controparte (quindi, ad esempio, alla data di conclusione del contratto), ossia se si tratti di contratto di consumo ai sensi dell’articolo 17, paragrafo 1, lettera c), del citato regolamento anche nel caso in cui il consumatore, alla data della proposizione del ricorso, sia già domiciliato nel territorio di uno Stato membro diverso da quello in cui la sua controparte esercita un’attività professionale o commerciale.

Se un consumatore domiciliato in un altro Stato membro possa essere convenuto, ai sensi dell’articolo 7 del regolamento (UE) n. l215/2012, del 12 dicembre 2012, concernente la competenza giurisdizionale, il riconoscimento e l’esecuzione delle decisioni in materia civile e commerciale, nella sua versione in vigore dal 10 gennaio 2015, davanti al giudice del luogo in cui l’obbligazione dedotta in giudizio è stata o deve essere eseguita (fatti salvi gli articoli 18, paragrafo 2, e 26, paragrafo 2, di tale regolamento) poiché la controparte del consumatore non esercita alcuna attività professionale o commerciale nello Stato in cui si trova il domicilio del consumatore alla data di proposizione del ricorso.

____________

1 GU 2012, L 351, pag. 1.