Ordinanza della Corte (Sezione ammissione delle impugnazioni) del 28 maggio 2020 – Billa / EUIPO

(causa C61/20 P)

«Impugnazione – Marchio dell’Unione europea – Ammissione delle impugnazioni – Articolo 170 ter del regolamento di procedura della Corte – Domanda che non dimostra l’importanza di una questione per l’unità, la coerenza o lo sviluppo del diritto dell’Unione – Non ammissione dell’impugnazione»

1.      Impugnazione – Regime di ammissione preventiva – Questione importante per l’unità, la coerenza o lo sviluppo del diritto dell’Unione – Onere della prova

(Statuto della Corte di giustizia, art. 58 bis; regolamento di procedura della Corte, art. 170 ter)

(v. punto 11)

2.      Impugnazione – Regime di ammissione preventiva – Domanda di ammissione di un’impugnazione – Requisiti di forma – Portata

(Statuto della Corte di giustizia, art. 58 bis; regolamento di procedura della Corte, artt. 170 bis e 170 ter)

(v. punti 1214)

3.      Impugnazione – Regime di ammissione preventiva – Questione importante per l’unità, la coerenza o lo sviluppo del diritto dell’Unione – Domanda di ammissione che non dimostra l’importanza della questione – Non ammissione

(Statuto della Corte di giustizia, art. 58 bis; regolamento di procedura della Corte, artt. 170 bis e 170 ter)

(v. punto 16)

4.      Impugnazione – Regime di ammissione preventiva – Questione importante per l’unità, la coerenza o lo sviluppo del diritto dell’Unione – Sindacato della Corte sulla valutazione dei fatti e degli elementi probatori – Esclusione

(Art. 256, § 1, TFUE; Statuto della Corte di giustizia, artt. 58, comma 1, e 58 bis; regolamento di procedura della Corte, art. 170 ter)

(v. punto 19)

5.      Marchio dell’Unione europea – Definizione e acquisizione del marchio dell’Unione europea – Valutazione della registrabilità di un segno – Considerazione soltanto della normativa dell’Unione – Decisioni emesse dalle autorità nazionali non vincolanti per gli organi dell’Unione

(Regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio 2017/1001)

(v. punto 20)

Dispositivo

1)

L’impugnazione non è ammessa.

2)

Billa AG sopporterà le proprie spese.