Direzioni della Traduzione giuridica

Il servizio di Traduzione giuridica, comune ai due organi giurisdizionali (Corte di giustizia e Tribunale), è costituito da due direzioni, tra le quali sono ripartite le unità linguistiche. I direttori sovrintendono ai lavori di 23 unità linguistiche (lingue bulgara, spagnola, ceca, danese, tedesca, estone, greca, inglese, francese, croata, italiana, lettone, lituana, ungherese, maltese, neerlandese, polacca, portoghese, rumena, slovacca, slovena, finlandese e svedese).

Le traduzioni della Corte sono effettuate in base ad un regime linguistico cogente e comprendono tutte le combinazioni delle lingue ufficiali dell'Unione europea. Il volume di pagine da tradurre attualmente supera 1 100 000 pagine annue.

I testi da tradurre sono tutti testi giuridici di carattere altamente tecnico. Per svolgere tale compito, il servizio impiega esclusivamente giuristi in possesso di una formazione giuridica completa, nonché di una conoscenza approfondita di almeno due lingue diverse dalla loro lingua materna.

Per saperne di più: